Dom. Giu 16th, 2024

Introduzione

La delega bancaria è uno strumento molto utile che consente a un individuo di gestire il conto corrente di un’altra persona. Tuttavia, quando viene utilizzata in modo improprio, può portare a conseguenze legali e morali significative. Questo articolo esamina un caso in cui un figlio, che aveva ricevuto la delega sul conto corrente dei genitori, analfabeti malati e anziani, ha fatto un uso personale del bancomat in suo possesso e ha svuotato il conto di ciò che restava un giorno prima della morte dei genitori.

Il caso

In questo scenario, un figlio ha ricevuto la delega per gestire il conto corrente dei genitori, incapaci di operare autonomamente per via del loro analfabetismo e del loro stato di salute. Ma si trattava del loro figlio del cuore, quello che viveva da oltre quarant’anni con loro, lo stesso a cui avevano riposto la loro assoluta fiducia. Tuttavia, invece di utilizzare questa autorità per il bene dei genitori, questo figlio ha abusato della sua posizione e di quel conto ne ha fatto un uso del tutto personale. Gli estratti conto degli ultimi dieci anni parlano chiaramente, senza alcuna possibilità di equivoci. Prelevamenti continui attraverso il bancomat, pagamenti di ogni genere attraverso il Pos e perfino alcuni bonifici a proprio favore, tutto documentato, all’insaputa degli altri fratelli oltre che dei genitori stessi. Questo comportamento è diventato evidente quando il giorno prima della morte del padre preleva tutto il saldo disponibile dal conto, stessa operazione la esegue qualche mese dopo, il giorno prima della morte della madre.

Le conseguenze legali

In termini legali, l’uso improprio della delega bancaria può essere considerato un reato. In molti paesi, tra cui l’Italia, l’abuso di fiducia è un reato penale. Se il figlio ha utilizzato i fondi per scopi personali senza il consenso dei genitori, potrebbe essere accusato di appropriazione indebita.

Inoltre, se i genitori sono deceduti, i loro eredi legali possono intraprendere azioni legali contro il figlio per recuperare i fondi. Questo potrebbe includere altri figli, nipoti o altri parenti.

Le conseguenze morali

Ma vogliamo parlare delle conseguenze morali? A mio avviso sono più gravi di quelle legali, perchè un figlio che si comporta in questo modo, a danno degli altri fratelli, ma soprattutto tradendo la fiducia che quei genitori avevano riposto nel figlio da una vita intera, come fa ad essere a posto con la propria coscienza? Come fa a dormire sonni tranquilli dopo aver rubato quei risparmi di una vita ai propri genitori che erano rimasti senza denti e si limitavano nelle spese per mangiare per mettere da parte i propri risparmi? Inoltre, questa azione del figlio potrebbe essere vista come un mancato rispetto verso i genitori e la loro memoria.

Conclusione

Questo caso illustra l’importanza di utilizzare la delega bancaria in modo responsabile. È essenziale che coloro a cui è stata concessa questa autorità comprendano le loro responsabilità e le conseguenze del loro abuso. Inoltre, sottolinea l’importanza di avere controlli e bilanciamenti in atto per prevenire tali abusi.

Ricordiamo che la fiducia e l’integrità morale sono fondamentali in tutte le relazioni, comprese quelle finanziarie. Abusare della fiducia di qualcuno, soprattutto di un genitore anziano e malato, non è solo illegale, ma anche moralmente sbagliato.

Di Giuseppe Cianci

Sono Giuseppe, 66 anni, fotografo per passione, webmaster, writer ed amante dei viaggi. Amo la mia Sicilia, che io considero l'isola più bella al mondo. Come blogger, racconto di tutto quello che mi interessa, dagli eventi ai viaggi, dalla politica alla difesa dei diritti dei più deboli. Scrivo in modo diretto, mi piace avere sempre un tono di voce cordiale e sincero.

error: Content is protected !!