Ven. Lug 12th, 2024

Nella meravigliosa isola della Sicilia, incastonata tra le onde del Mar Mediterraneo, sorge una città il cui nome evoca la grandezza e la magnificenza degli Dei stessi: Selinunte. Questo antico centro abitato, una volta fulcro della civiltà greca occidentale, conserva tutt’oggi le tracce di un glorioso passato che affascina e incanta i visitatori di tutto il mondo.

Un viaggio nella storia

Selinunte, situata lungo la costa meridionale della Sicilia, fu fondata nel VII secolo a.C. dai coloni greci provenienti dalla vicina Megara Hyblaea. Il suo nome deriva dalla pianta del sedano selvatico, selinon, che abbondava nella regione.

La città fiorì rapidamente diventando uno dei centri più importanti della Magna Grecia, grazie alla sua posizione strategica e alla ricchezza dei suoi territori. Selinunte si distinse per la sua imponente acropoli, le sue maestose mura difensive e i suoi templi grandiosi dedicati agli Dei dell’Olimpo.

Architettura divina

Il cuore pulsante di Selinunte era il suo santuario, dove si ergevano alcuni dei templi più spettacolari dell’antichità. Tra questi, il Tempio di Era, la dea del matrimonio e della fertilità, svettava con la sua imponenza, dominando l’orizzonte con le sue colonne di marmo bianco. Costruito nel VI secolo a.C., questo tempio rappresentava il culmine dell’architettura dorica, caratterizzato dalla semplicità e dalla grandiosità propria dello stile greco.

Accanto al Tempio di Hera, si ergono le rovine del Tempio di Apollo, dedicato al Dio della luce, della verità e della profezia. Questa struttura, risalente allo stesso periodo del Tempio di Hera, rifletteva l’importanza della religione e della spiritualità nella vita quotidiana dei cittadini di Selinunte.

Declino e riscoperta

Nonostante la sua grandezza e il suo splendore, Selinunte non sfuggì alle vicissitudini storiche che caratterizzarono l’antica Sicilia. Nel V secolo a.C., la città cadde sotto il dominio cartaginese e subì gravi devastazioni durante le guerre che insanguinarono la regione.

Le rovine di Selinunte rimasero sepolte sotto il peso dei secoli, dimenticate e abbandonate fino a quando, nel XIX secolo, iniziarono i primi scavi archeologici che riportarono alla luce la magnificenza della città perduta.

Oggi, Selinunte è un’importante meta turistica che attira visitatori da tutto il mondo desiderosi di immergersi nella storia e nella bellezza dell’antica Sicilia. Le sue rovine testimoniano la grandezza e la caducità dell’umanità, e ci ricordano l’importanza di preservare e proteggere il nostro patrimonio culturale per le generazioni future.

Conclusioni

Selinunte, la Città degli Dei, continua a esercitare un fascino irresistibile sui viaggiatori e gli studiosi di tutto il mondo. Le sue rovine rappresentano un ponte tra il passato e il presente, un testimone silenzioso della grandezza e della caducità delle civiltà umane.

In un mondo sempre più frenetico e tecnologico, Selinunte ci ricorda l’importanza di riconnettersi con le nostre radici, di celebrare la bellezza dell’arte e dell’architettura antica, e di onorare la memoria delle civiltà che ci hanno preceduto.

Di Giuseppe Cianci

Sono Giuseppe, 66 anni, fotografo per passione, webmaster, writer ed amante dei viaggi. Amo la mia Sicilia, che io considero l'isola più bella al mondo. Come blogger, racconto di tutto quello che mi interessa, dagli eventi ai viaggi, dalla politica alla difesa dei diritti dei più deboli. Scrivo in modo diretto, mi piace avere sempre un tono di voce cordiale e sincero.

error: Content is protected !!