Dom. Giu 16th, 2024

Con la manovra finanziaria del 2024 il Governo Meloni sembra intenzionato alla Riforma Irpef iniziando dall’accorpamento dei primi due scaglioni dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef): fino a 28mila euro di reddito imponibile annuo la tassazione sarebbe del 23% per tutti mentre fino ad ora è del 23% fino a 15mila e del 25% da 15.001 a 28mila.

Si tratta di una mossa per regalare qualche euro (da un euro al mese al massimo 22 euro al mese) ai redditi medio bassi, escludendo i redditi fino a 15mila euro annu che non avranno neanche un euro. Un risparmio che al massimo arriva a 260 euro all’anno ma la beffa sta nel fatto che tutti coloro che hanno un reddito superiore a 28mila euro guadagneranno il massimo, cioè 260 euro annui.

Facciamo un esempio: un pensionato con 20mila euro prenderà in più, se confermata questa riforma Irpef dal 1 gennaio 2024, soltanto 100 euro l’anno. Sapete quanto guadagnerà da questa riforma un pensionato che prende più di 100mila euro l’anno? 260 euro l’anno cioè pagherà il 2% in meno sullo scaglione di reddito che va dai 15mila ai 28mila euro. Ditelo alla Meloni, che guadagna 250mila euro all’anno, che questa riforma non vien fatta per aiutare i pensionati e i lavoratori a basso reddito ma per aiutare chi non ha bisogno di aiuto.

Di Giuseppe Cianci

Sono Giuseppe, 66 anni, fotografo per passione, webmaster, writer ed amante dei viaggi. Amo la mia Sicilia, che io considero l'isola più bella al mondo. Come blogger, racconto di tutto quello che mi interessa, dagli eventi ai viaggi, dalla politica alla difesa dei diritti dei più deboli. Scrivo in modo diretto, mi piace avere sempre un tono di voce cordiale e sincero.

error: Content is protected !!