Dom. Giu 16th, 2024

L’imparzialità dei giornalisti e dei magistrati a mio avviso fa male al Paese. In qualità di comune cittadino, ritengo che sia fondamentale per il benessere della nostra società che i giornalisti e i magistrati mantengano una posizione neutrale rispetto alle questioni politiche. Questo non significa che non possano avere opinioni personali, ma piuttosto che queste non dovrebbero influenzare il loro lavoro professionale.

Il ruolo dei giornalisti e dei magistrati

I giornalisti e i magistrati svolgono ruoli cruciali nella nostra società. I giornalisti ci informano su ciò che accade nel mondo, mentre i magistrati applicano la legge e assicurano che sia rispettata. Entrambi questi ruoli richiedono un alto grado di integrità e imparzialità.

L’importanza dell’imparzialità

Quando i giornalisti o i magistrati si schierano politicamente, possono involontariamente influenzare le loro decisioni professionali. Questo può portare a una copertura mediatica distorta o a decisioni giudiziarie parziali, che a loro volta possono danneggiare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni democratiche.

Lo scontro tra poteri forti

Oggi, assistiamo a uno scontro politico tra poteri forti come il giornalismo e la magistratura da una parte e il Governo dall’altra. Questo conflitto non fa altro che danneggiare il Paese e i cittadini italiani. Invece di lavorare insieme per il bene comune, queste entità sembrano essere più interessate a lottare per il potere.

La via da seguire a mio avviso

Come cittadini, dobbiamo chiedere ai nostri giornalisti e magistrati di rimanere imparziali e di concentrarsi sul loro lavoro. Dobbiamo anche chiedere ai nostri leader politici di rispettare l’indipendenza di queste istituzioni e di lavorare con loro, non contro di loro.

In conclusione, l’imparzialità dei giornalisti e dei magistrati è fondamentale per il funzionamento della nostra democrazia. Dobbiamo tutti fare la nostra parte per garantire che queste importanti istituzioni rimangano libere da influenze politiche. Ma giornalisti e magistrati non devono svolgere il loro ruolo in funzione delle loro idee o convinzioni politiche.

Di Giuseppe Cianci

Sono Giuseppe, 66 anni, fotografo per passione, webmaster, writer ed amante dei viaggi. Amo la mia Sicilia, che io considero l'isola più bella al mondo. Come blogger, racconto di tutto quello che mi interessa, dagli eventi ai viaggi, dalla politica alla difesa dei diritti dei più deboli. Scrivo in modo diretto, mi piace avere sempre un tono di voce cordiale e sincero.

error: Content is protected !!