Mer. Giu 19th, 2024

Il conguaglio IMU è un obbligo che potrebbe riguardare anche chi possiede un’abitazione principale. Questo obbligo è previsto al comma 72 della Legge di bilancio 2024.

Cos’è il conguaglio IMU

Il conguaglio IMU è la differenza tra quanto già pagato in acconto (16 giugno 2023) e 18 dicembre 2023 (saldo) e l’importo dovuto in base alle nuove aliquote IMU deliberate dal comune per lo stesso anno 2023.

Chi deve versare

I contribuenti che hanno pagato l’acconto e il saldo IMU 2023 sono chiamati a verificare se ci sono nuove delibere per le quali il comune ha rispettato i nuovi termini. Se le nuove aliquote sono maggiori di quelle del 2022, il contribuente dovrà versare un conguaglio. Questo dovrà avvenire entro il 29 febbraio, senza versare sanzioni e interessi.

Come verificare

È possibile verificare la validità delle aliquote IMU 2023 sul portale del MEF (Ministero Economia e Finanze). Le delibere IMU efficaci per l’anno 2023 che mandano nuovamente alla cassa i possessori di immobili sono già pubblicate sul portale del MEF.

Rimborso

Se i Comuni dovessero ridurre le aliquote e i cittadini maturassero un credito, potranno presentare una richiesta di rimborso.

In conclusione, è importante essere consapevoli delle proprie responsabilità fiscali e tenere d’occhio le date di scadenza. Ricordate, il conguaglio IMU deve essere versato entro il 29 febbraio 2024.

Di Giuseppe Cianci

Sono Giuseppe, 66 anni, fotografo per passione, webmaster, writer ed amante dei viaggi. Amo la mia Sicilia, che io considero l'isola più bella al mondo. Come blogger, racconto di tutto quello che mi interessa, dagli eventi ai viaggi, dalla politica alla difesa dei diritti dei più deboli. Scrivo in modo diretto, mi piace avere sempre un tono di voce cordiale e sincero.

error: Content is protected !!